DOTT. GIULIO GIOVANNI SULIS

Periferiche

Sono VERTIGINI da interessamento del RECETTORE LABIRINTICO o del PRIMO TRATTO DELLA VIA VESTIBOLARE fino al suo ingresso nel TRONCO DELL’ENCEFALO, caratterizzate dalla sensazione di rotazione più o meno violenta degli oggetti, sintomatologia neurovegetativa (nausea, tachicardia, vomito, etc.), presenza o meno di segni e sintomi audiologici associati (ipoacusia, senso di orecchio pieno, acufeni), presenza di nistagmo.

L’intensità della sintomatologia è strettamente riconducibile a quanto più vicino al recettore è il danno, ed alla velocità con cui esso si è instaurato.

Le VERTIGINI PERIFERICHE si dividono in:

VERTIGINE PAROSSISTICA POSIZIONALE BENIGNA

VERTIGINE LEGATA ALL'AUMENTO DELLA PRESSIONE DEI LIQUIDI LABIRINTICI

NEURONITE VESTIBOLARE E LABIRINTITE

INSUFFICIENZA VERTEBRO BASILARE

VERTIGINE EMICRANICA